Un allevamento di bestiame salvato da un’idea e un sollevatore Agri Plus

Il sollevatore telescopico Agri è un must assoluto per ogni allevamento di bestiame.

Gli allevatori, infatti, lo amano per la sua versatilità che permette loro di utilizzarlo a seconda del bisogno per compiti molto diversi.

Grazie agli accessori si trasforma: con una benna anteriore pulisce le stalle o movimenta il mangime per foraggiare gli animali, con un forchino con aghi sposta ed impila le balle di fieno, con le forche può movimentare carichi pesanti.

La case history che vi presentiamo oggi è proprio la testimonianza di come la versatilità di un elevatore telescopico Dieci abbia aiutato due geniali allevatori australiani a risolvere una situazione che poteva mettere a rischio la loro azienda.

Allevamenti in pericolo nel Nuovo Galles

Quest’anno in Australia i disastrosi effetti del cambiamento climatico si sono fatti sentire pesantemente.
Mentre gli stati del Nord sono stati sommersi da piogge torrenziali, quelli meridionali, e in special modo il Nuovo Galles del Sud, hanno sofferto un lungo periodo di siccità che ha quasi azzerato le risorse idriche, mettendo in ginocchio l’agricoltura della regione.

Le grandi mandrie, che in tempi normali pascolano libere nella prateria, hanno dovuto essere sfamate e dissetate con autocisterne, con grande dispendio di risorse ed energie da parte degli allevatori.
Anche il Governo australiano ha stanziato oltre 400 milioni di euro per fare fronte all’emergenza.

La soluzione e il sollevatore al lavoro

Per far fronte a questa situazione, due ingegnosi giovani imprenditori, Joey Fleming e Justin O’Brien, hanno avuto un’idea.

Joey e Justin hanno utilizzato alcuni vecchi container da 30 tonnellate, trasformandoli in “distributori automatici” di acqua e cibo da posizionare nei punti di raccolta del bestiame.

I container trasformati fungevano anche da “pareti ombreggianti”, dato che la vegetazione della zona era stata quasi interamente seccata dalle intense temperature, rimaste per mesi sopra i 40 gradi.

Per realizzare questa idea, l’intraprendente e geniale Joey (che è anche un provetto saldatore) ha utilizzato l’elevatore telescopico Agri Plus, già in dotazione all’azienda di famiglia.
Grazie alla forca dell’Agri e alla sua capacità di sollevare diverse tonnellate, è stato possibile movimentare i containers per apportarvi le necessarie modifiche e poi trasportarli nei punti di raccolta.

Il fondo dei container è stato rinforzato da una struttura a V che, convogliando l’acqua e il mangime verso le pareti laterali, ne lasciava cadere la giusta quantità in lunghe mangiatoie saldate ai lati.

Il sistema ha funzionato, permettendo alle mandrie dei due allevatori (e a quelle dei numerosi vicini) di sopravvivere a uno dei periodi più tragici per il sud dell’Australia.

Con questo sistema è possibile rifornire periodicamente i containers di acqua e cibo lasciando che gli animali si servano da soli, mentre prima gli allevatori erano costretti a percorrere ogni giorno centinaia di chilometri, carichi di rifornimenti, per nutrire e dissetare le mandrie.

La versatilità del sollevatore telescopico

Non è la prima volta che Joey Fleming dimostra tenacia, ingegno e capacità: grazie alla versatilità dell’Agri Plus e ai tanti accessori utilizzabili, Joey ha potuto costruire un nuovo capannone e persino un hangar per il suo vecchio aereo Piper Comanche (mezzo necessario per spostarsi in questi estesi territori) di cui cura personalmente la manutenzione!

Una volta di più, possiamo dire che con gli strumenti giusti, in mano alle persone giuste, è possibile affrontare ogni necessità.

Grazie a Joey, Justin, e ad Agri Plus!